Memoriale Gino Baral – Spettacolo teatrale “IL PICCOLO PRINCIPE”

Mappa non disponibile

Data / Ora
01/07/2017
21:15 - 22:45

Categorie


SABATO 1 LUGLIO 2017, ORE 21.15

Prali – Ecomuseo delle Miniere/Piazzale Antistante la Miniera Paola

Festival delle Alpi 2017 – Attorno alla fortezza

Il Piccolo Principe

dall’opera di Antoine de Saint Exúpery (Editions Gallimard-Bompiani Editore)

con Gisella Bein e Monica Calvi

regia di Renzo Sicco

 

Memoriale Gino Baral

Lo scorso anno Assemblea Teatro ricordava Gino Baral a San Germano Chisone. Nel 2017 celebriamo un secondo memoriale a Scopriminiera, un luogo importante nel percorsi del lavoro di Gino.Lo spettacolo che abbiamo scelto è il Piccolo Principe, un testo che ben esprime il legame con la Francia, altro impegno forte nel percorso di Baral.L’ingresso sarà a 10€ e l’incasso verrà interamente devoluto per sostenere il progetto di una piccola biblioteca per il reparto oncologico dell’ospedale San Luigi di Orbassano.Il Piccolo Principe è una storia semplice disegnata e letta con le stesse parole di Antoine de Saint Exupery, uno spettacolo in cui le scene si possono immaginare e… guardare in una versione inedita: sabbia che diventa pittura rupestre, rocce che diventano fogli di carta. Una vicenda di amicizia ed educazione ai sentimenti. Pagine che ti insegnano a farlo: “Non si conoscono che le cose che si addomesticano. Gli uomini non hanno più tempo per conoscere nulla. Comprano dai mercanti le cose già fatte. Ma siccome non esistono mercanti di amici, gli uomini non hanno più amici. Ma se tu vuoi un amico, addomesticami!”.Una lezione fantastica dove si impara ad ascoltare, ad osservare, a prendersi cura dell’altro, ad essere responsabili del mondo attorno a sé.La storia si segue con gli occhi, si ascolta con le orecchie , e, un po’, col cuore. Gli occhi seguono le mani agili di Monica Calvi a disegnare la sabbia dei deserti, le orecchie si lasciano riempire dalle parole interpretate da Gisella Bein, voce soave.Per una volta, Il Piccolo Principe, si lascia attraversare e anche il più piccolo spettatore si sente protagonista, con i piedi posati su quella piccola stella.